DIODATI, Luigi. Dello Stato presente della Moneta nel Regno di Napoli e della Necessità di un Alzamento, Libri due. Napoli, Michele Migliaccio, 1790.

In 8°; XVI, 158 pp. Legatura coeva bazzana (tracce d’uso e parziale perdita di tit. al dorso), sporadiche ossidazioni ai fogli di sguardia. Edizione originale non comune.

Very scarce work of economy on the state of the coin in the kingdom of Naples.

Il napoletano Luigi Diodati, avvocato ed economista, fu discepolo del celebre Ferdinando Galiani, a cui si ispirò per l’elaborazione di questa trattato dove si sostiene la necessità di elevare il valore nominale delle monete d’oro e d’argento nel Regno di Napoli, vista la grave penuria di moneta circolante che provocava gravi danni al commercio e alle attività produttive. Il problema era stato affrontato da molti economisti (De Sanctis, Serra, Locke, Melon, Galiani e Beccaria) e mai risolto. Le teorie del Diodati destarono forti critiche da parte di molti economisti, tanto che l’autore replicò alle obiezioni pubblicando nel 1794 un nuovo trattato intitolato “Risposta ad alcune critiche fatte all’opera intitolata…”.

Cossa, 47, n. 170; Palgrave 1/586; Einaudi 1571.

€ 750
Copyright Orsini arte e libri - Cookie Policy - Privacy Policy - Web Developement Obdo - graphic and web